Skip to Main Content

Scarpitti Distribuzione

spazio | distribuzione | vendita

close cart

Carrello

totale
prodotti: 0

Il carrello è vuoto.
Aggiungi i prodotti per procedere all'acquisto.

Salento Bianco "Metiusco" I.G.P. 2020

Palamà

  • Annata 2020
  • Gradazione 12,5% vol.
  • Colore giallo paradamite con riflessi verdolini
  • Vitigno Malvasia Bianca Lunga e Verdeca
  • Sinonimi Malvasia Bianca Pugliese, Verdone
  • Temperatura di servizio 11°C
13.70 €
1

Caratteristiche&Curiosità

Anche per i vini bianchi la scelta aziendale punta sull'utilizzo di varietà autoctone: la Malvasia Bianca (chiamata anche Acchiappapalmento) si presume originaria delle Murge, in provincia di Taranto; di questo vitigno si hanno notizie dal 1870 ed è da sempre coltivato e vinificato in associazione ad altri vitigni, come la Verdeca. In verità, negli ultimi anni quest'ultima lo ha quasi soppiantato grazie alla sua maggior fertilità ed al colore verde acceso che conferisce ai vini, che li rende commercialmente più accattivanti. $$$Il Metiusco Bianco è la punta di diamante delle Verdeche di Palamà: come i suoi fratelli minori (Albarossa Bianco e Fregi Bianco), anch'esso è vinificato ed affinato solo in acciaio e bottiglia. L’uvaggio vede la presenza di una piccola parte di Malvasia Bianca, vitigno che secondo il Trinci (1726) potrebbe essere giunto in Italia dalla Grecia o dai Balcani in epoca medievale. Ninì la fa surmaturare in pianta e la sottopone poi a macerazione e fermentazione in riduzione di ossigeno con ricorso a frequenti bâtonnages (il bâtonnage consiste nel rimescolamento della massa del vino in modo che le fecce fini non si depositino sul fondo favorendo il conseguente sviluppo di odori sgradevoli dovuti allo zolfo, ed anzi incrementando struttura e profumi del vino). Al naso, il vino si presenta ricco, intenso, fruttato ed agrumato; i sentori più marcati sono quelli di lavanda, timo, bergamotto, cedro, scorza di limone, citronella e menta. Al palato è secco, fresco ed equilibrato, con una bella vena sapida e una chiusura citrina leggermente amarognola, che rievoca l'albedo degli agrumi. Grande Ninì. (Testo di Fabio Scarpitti per Scarpitti Distribuzione snc ©)

Abbinamento

Se non avete voglia di impegnarvi, andate dal vostro pescivendolo di fiducia e prendete del crudo di livello; non il solito tris di salmone, tonno e spada, piuttosto cernia, ombrina, mormora, pagello, sampietro. E poi qualche cozza pelosa, ostriche di Taranto, patelle di scoglio e telline.

Scopri di più...